Calendario

15/01/2017 Riserva naturale Oasi del Simeto
12/02/2017 Riserva naturale Oasi faunistica di Vendicari
 05/03/2017 Peloritani - Affluenti del Fiume Alcantara
 26/03/2017 Forre laviche del Fiume Simeto
 02/04/2017 Parco dell'Etna - Monte Salto del Cane
 07/05/2017 Parco dell'Etna - Versante nord-ovest
 28/05/2017 Peloritani - Affluenti del Fiume Mela
11/06/2017 Area Marina Protetta del Plemmirio
 17/09/2017 Riserva naturale Fiume Ciane
01/10/2017 Parco dei Nebrodi - Rocche di Alcara Li Fusi
22/10/2017 Parco dell'Etna - Versante nord-est
 12/11/2017 Parco dei Nebrodi - Bosco di Fago Scuro
10/12/2017 Parco dell'Etna - Monte Minardo

 

consulta le informazioni generali sulle escursioni

 

15 gennaio 2017

Riserva naturale Oasi del Simeto

uccelli acquatici

corsi d'acqua zone umide  uccelli rapaci  dune costiere

Descrizione: Escursione in una zona umida di interesse internazionale. L’itinerario dell'escursione attraversa alcune delle aree naturalisticamente più importanti della riserva naturale caratterizzate dalla presenza di dune con la tipica vegetazione e di stagni costieri salmastri che ospitano numerose specie di uccelli acquatici di notevole interesse ai fini della conservazione (anatre, aironi, limicoli,passeriformi, rapaci). Tra le specie più importanti va citata la Moretta tabaccata (Aythya nyroca), specie minacciata a livello globale e che nella riserva naturale ha una delle sue popolazioni più importanti.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento, binocolo per l'osservazione degli uccelli.

Conservazione: L’abusivismo edilizio presente in prossimità delle zone umide e degli altri ambienti naturali della riserva è causa di alterazioni ambientali e paesaggistiche e determina un inaccettabile disturbo alla fauna. Nonostante l'area protetta sia istituita dal 1984, si verificano ancora fenomeni di bracconaggio e gravi danni agli ambienti naturali.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 9:00, rientro ore 14:00

Grado di difficoltà: T (turistico)

 

12 febbraio 2017

riserva naturale Oasi faunistica di Vendicari

uccelli acquatici

uccelli rapaci  dune costiere

Descrizione: La riserva naturale include uno dei tratti costieri meglio conservati della Sicilia e un sistema di zone umide e di dune sabbiose di elevato interesse per la protezione della fauna e dell'avifauna in particolare. La presenza sulle dune della macchia a Juniperus macrocarpa riveste notevole importanza in quanto questa formazione vegetale è ormai estremamente rara in Sicilia. Rilevante l'interesse anche sotto l'aspetto paesaggistico.
L'area è individuata anche quale Sito di Imprtanza Comunitaria, Zona di Protezione Speciale e rientra tra le zone umide tutelate a livello internazionale dalla Convenzione di Ramsar.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento, binocolo per l'osservazione degli uccelli.

Conservazione: L'estensione delle coltivazioni agricole, avvenuta anche dopo l'istituzione dell'area protetta, determina perdita di habitat, disturbo alla fauna e la contaminazione con prodotti utilizzati in agricoltura. La fruizione eccessiva e spesso non adeguatamente controllata durante i mesi estivi comporta significativi disturbi alla fauna, anche di invertebrati e danni alle formazioni vegetali naturali delle dune.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 8:30, rientro ore 17:30

Grado di difficoltà: T (turistico)

 

5 marzo 2017

Peloritani - Affluenti del Fiume Alcantara

ambienti montani 

corsi d'acqua  boschi  uccelli rapaci  

Descrizione: l'itienrario percorre alcuni affluenti in sinistra idrografica del fiume Alcantara facenti parte del sottobacino del torrente Fondachello nei pressi del centro abitato di Malvagna. L'area ricade nella riserva naturale Bosco di Malabotta.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento.

Conservazione: incendi, prelievi idrici, pascolo eccessivo sono le principali minace alla conservazione degli habitat acquatici e montani.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 8:30, rientro ore 17:30

Grado di difficoltà: E (escursionistico)

 

26 marzo 2017

Forre laviche del Fiume Simeto

corsi d'acqua  cascate  peculiarità geologiche  uccelli rapaci  

Descrizione: Le gole della Càntera sono state incise dal Simeto su un substrato basaltico. Il fiume Simeto, originatosi dalla confluenza tra i torrenti Cutò, Martello e Saracena, dopo un percorso su un greto ciottoloso e pianeggiante, precipita nelle gole laviche. La suggestiva bellezza di queste gole è accresciuta dalla confluenza del fiume Serravalle. Uscito dalle gole il Simeto scorre alla base di un esteso terrazzo lavico con alte pareti, alcune delle quali con maestosi basalti colonnari. È uno dei tratti fluviali più spettacolari di tutta la Sicilia.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento.

Conservazione: Su questo tratto di fiume, ricadente nel Sito di Importanza Comunitaria ITA070026 “Forre laviche del Fiume Simeto”, andrebbe prevista, come richiesto da Legambiente, l’istituzione di una riserva naturale. Le principali aggressioni sono costituite dai prelievi idrici, dallo sversamento di sostanze chimiche utilizzate in agricoltura, dalla presenza di micro discariche.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 9:00, rientro ore 16:00

Grado di difficoltà: T (turistico)

 

2 aprile 2017

Parco dell'Etna - Monte Salto del Cane

ambienti montani

peculiarità geologiche boschi grotte  

Descrizione: L’itinerario conduce al cratere di Monte Salto del Cane (m 1372), cono secondario del versante sud est dell'Etna caratterizzato da pareti rocciose molto alte (oltre 100 metri di dislivello). Presenti anceh grotte di scorrimento lavico. Dalla sommità del monte si potrà osservare una vasta porzione dell'Etna caratterizzata da boschi e colate laviche, senza scorgere attrezzature antropiche.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento.

Conservazione: Taglio di specie arboree, anche di particolare interesse quale il Pioppo tremulo.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 9:00, rientro ore 16:00

Grado di difficoltà: E (escursionistico)

 

7 maggio 2017

Parco dell'Etna - Versante nord - ovest

ambienti montani

peculiarità geologiche boschi grotte  

Descrizione: Il versante nord - ovest dell'Etna è quello meglio conservato dell'intero vulcano; le porzioni sommitali di questo versante possono essere incluse tra le pochissime aree wilderness della Sicilia. L'itinerario si snoda a partire dal piano delle Ginestre, a monte dell'abitato di Bronte, e attraversa numerosi coni vulcanici sino ai Monti De Fiore, originatisi nel 1974.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento.

Conservazione: La minaccia maggiore all'integrità di questa area deriva da ipotesi di creazione di ulteriori strutture turistiche. Tali ipotesi sono state oggetto di disegni di legge alcuni anni fa abbandonati a seguito delle forti proteste del mondo scientifico e delle associazioni ambientaliste. Sussiste anche il rischi di apertura al traffico motorizzato di parti della pista altomontana dell'Etna.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 8:30, rientro ore 18:30

Grado di difficoltà: E (escursionistico)

 

28 maggio 2017

Peloritani - Affluenti del Fiume Mela

interesse botanico

corsi d'acqua cascate  boschi

ambienti montani

Descrizione: Il fiume Mela è uno dei corsi d’acqua più importanti dei Monti Peloritani. I torrenti che lo originano scorrono per l’intero corso dell’anno e rivestono notevole interesse naturalistico. In alcuni di essi, caratterizzati dalla presenza di piccole cascate o forre, si rinvengono le alcune stazioni siciliane della rara felce Woodwardia radicans, specie relitta di una flora tropicale del Terziario.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento.

Conservazione: Prelievi idrici rischiano di far scomparire specie animali e vegetali di eccezionale interesse naturalistico. Grave il problema degli incendi estivi. I tratti vallivi della fiumara sono sconvolti da attività estrattive e scarico di rifiuti.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 8:30, rientro ore 19:00

Grado di difficoltà: E (escursionistico)

 

11 giugno 2017

Area Marina Protetta del Plemmirio

interesse botanico

     

Descrizione: L'area fa parte del Sito di Importanza Comunitaria ITA090008 "Capo Murro di Porco, Penisola della Maddalena e Grotta Pellegrino"; l'Area Marina Protetta attornia l'intera penisola, anche se la zona di massima protezione è confinata al Capo Murro di Porco. La costa è rocciosa con diversi tratti di singolare bellezza. L'interesse naturalistico risiede soprattutto nella presenza di formazioni vegetali delle coste rocciose in discreto stato di conservazione con la presenza di specie endemiche. L'area è inoltre importante per la sosta degli uccelli durante il periodo delle migrazioni.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, cappellino per il sole, costume da bagno.

Conservazione: Diverse le problematiche ambientali: rischio di nuove edificazioni (abusive o progetti di espansioni edilizie); pascolo eccessivo, accesso incontrollato di mezzi motorizzati. Nel luglio 2011 era stato apposto il vincolo biennale in un'area della Penisola della Maddalena al fine di istituire la riserva naturale “Capo Murro di Porco e Penisola della Maddalena”.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 9:00, rientro ore 17:00

Grado di difficoltà: T (turistico)

 

17 settembre 2017

Riserva naturale Fiume Ciane

corsi d'acqua

uccelli acquatici

zone umide

 

Descrizione: il fiume Ciane è un corso d'acqua alimentato da sorgenti freatiche un tempo di notevole portata. Caratteristica del corso d'acqua è la presenza, insieme ai fragmiteti, di una vegetazione riparia a papiro (Cyperus papyrus spp. siculus). Importanti anche le diversificate forme di vegetazione acquatica. L'area riveste importanza per la presenza di specie di uccelli che trovano possibilità di sosta e nidificazione negli ambienti ripari e nelle zone umide circostanti.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento, binocolo per l'osservazione degli uccelli.

Conservazione: I prelievi idrici hanno alterato l'originario assetto idrologico del corso d'acqua; l'agricoltura intensiva si spinge sino alle sponde del fiume e determina disturbi alla fauna e una banalizzazione delle formazioni vegetali naturali. Disturbo alla fauna è anche determinato da una fruizione non controllata.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 9:00, rientro ore 14:00

Grado di difficoltà: T (turistico)

 

1 ottobre 2017

Parco dei Nebrodi - Rocche di Alcara Li Fusi

ambienti montani

uccelli rapaci  boschi peculiarità geologiche  

Descrizione: Le Rocche di Alcara li Fusi, o Rocche del Crasto, costituiscono una delle aree di maggiore pregio naturalistico del Parco dei Nebrodi. Per tutelare questi ambienti è stato, inoltre, individuato il Sito di Importanza Comunitaria ITA030013 " Rocche di Alcara Li Fusi". Si tratta di affioramenti carbonatici mesozoici che formano spettacolari ed impervie pareti rocciose del tutto assenti in altre parti dei Nebrodi. Del tutto peculiare è la presenza di estesi brecciai al di sotto delle pareti rocciose colonizzati da formazioni vegetali pioniere.
L'area riveste inoltre particolare interesse naturalistico per la presenza o la nidificazione di diverse specie di uccelli rapaci tra le quali vanno ricordate l' Aquila reale, l'Aquila dl Bonelli e il Grifone. Quest'ultima specie è ritornata sulle rocche grazie ad un progetto di reintroduzione condotto dall'Ente Parco.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento, binocolo per l'osservazione degli uccelli.

Conservazione: Fruizione non controllata ed accesso con mezzi fuoristrada possono determinare un elevato disturbo alla fauna.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 8:00, rientro ore 18:30

Grado di difficoltà: EE (escursionisti esperti)

 

22 ottobre 2017

Parco dell'Etna - Versante nord - est

ambienti montani

peculiarità geologiche boschi uccelli rapaci  

Descrizione: L'itinerario, nel versante orientale del vulcano, attraversa boschi, praterie, campi lavici e distese di bombe vulcaniche facilmente accessibili e di grande interesse naturalistico e paesaggistico. Di rilievo la presenza di estesi popolamenti di Betulla dell'Etna (Betula aetnensis) che forma formazioni boschive. L’area ricade nella zona A di massima tutela del Parco dell'Etna.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento.

Conservazione: La fruizione non rispettosa può determinare disturbo alla fauna ed alle formazioni vegetali naturali. Rischi di apertura al traffico motorizzato.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 8:30, rientro ore 17:00

Grado di difficoltà: E (escursionistico)

 

12 novembre 2017

Parco dei Nebrodi - Bosco di Fago Scuro

ambienti montani

 boschi uccelli rapaci corsi d'acqua

Descrizione: Area caratterizzata dalla presenza di vaste formazioni boschive a querceti caducifogli e a faggete con esemplari di ragguardevoli dimensioni. Importante la presenza dei tratti di origine del fiume Alcantara con le peculiari formazioni acquatiche e ripariali.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento.

Conservazione: Il pascolo eccessivo presente in alcune aree non consente la naturale evoluzione degli ecosistemi forestali.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 8:30, rientro ore 17:30

Grado di difficoltà: E (escursionistico)

 

10 dicembre 2017

Parco dell'Etna - Monte Minardo

ambienti montani

peculiarità geologiche boschi grotte  

Descrizione: Il Monte Minardo (m 1304) è un cono vulcanico del versante occidentale del vulcano tra i territori dei comuni di Adrano e Bronte. È rivestito da una rigogliosa lecceta che si spinge sino a basse quote. L’area, di notevole interesse paesaggistico e naturalistico, ricade nella zona A di massima tutela del Parco nel Sito di Interesse Comunitario ITA070023.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking, giacca a vento.

Conservazione: I rischi maggiori di questa area sono rappresentati dalle ipotesi, che periodicamente si ripropongono, di fruizione turistica con mezzi motorizzati e di creazione di un terzo polo turistico di alta quota nell’Etna.

Appuntamento: Catania, piazza Michelangelo, ore 9:00, rientro ore 16:00

Grado di difficoltà: E (escursionistico)